.
Annunci online

 
piattaforma 
Possiamo sempre scegliere, possiamo sempre farci suore, possiamo sempre far l'amore, come comanda Dio! ( Possiamo sempre- Gianna Nannini)
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  VALERIA MANIERI- WEB SITE
CERM
Gruppo welfare to work
Radicali Italiani
Radio Radicale
Equiparare.it
La mia rubrica su Radio Radicale
La Emma - Emma Bonino
RADICAL PARTY-no martini no party!
Luca Coscioni
Il Sole 24 ore
Le Monde
The New York Times
The Economist
La Sterpaia
Chiara Lalli
Kissing a fool- Il blog di Alessandra
Il blog di Maria Antonietta Farina Coscioni
Donatella Poretti e Alice nella Camera delle meraviglie
Il Blog di Angela Padrone
Michel Martone
Francesco Delzio- Generazione Tuareg
Clelia from London
Daniela
il Calibano
La Gilla-virginia fiume -woolf
Un tipo interessante "pdbmaster"
Luca Bagatin
Federico
il blog di Federica
Miss Welby
PACSIAMO
Matteo, la piuma:-)
il mitico baco
Clair de lune
Alcestis
Tommaso detto inoz
Pasquale
political resources
Gianna Nannini
  cerca

 

 

        Alle Europee 2009, Vota i Radicali

           Liberiamoci dalla partitocrazia

             Riportiamo l'Italia in Europa














CLICK TO ENTER



           Free Tibet, Free China


 

Diario | Musica e parole | Politica e pensierini | Interior Design |
 
Diario
1visite.

4 settembre 2011

Piattaforma

Certe cose non bisognerebbe fingere di dimenticarle. Alcuni luoghi di ricordi e memorie che ci segnano profondamente, non devono essere gettati. Senza paura che ciò rappresenti un salto nell'abisso o un perdersi di nuovo. A volte per capire dove tu sia diretta e cosa davvero ti muova, occorre perlustrare attentamente la fossa delle marianne; verificare attentamente i passi precedenti. Soffernarsi su quelli più importanti, senza rimpianti. Nella accurata perlustrazione dei nostri abissi, nulla va gettato. Ogni cosa che oggi fa parte di noi, ci ha cambiati e ci ha permesso di ritrovarci. Restare fermi sarebbe stato certamente guaio ben peggiore. E talvolta il principio del meglio correr che restare in compagnia di un io piuttosto noioso ci regala qualche sorriso tenero.  In effetti tra le cose che reputavi di poter fare diversamente e delle altre fatte davvero per bene, tra errori terribili, vigliaccherie insulse e irripetibili slanci coraggiosi, scorre una vita. 
Imperfetta e incompleta. Sparpagliata e sparigliata. Ma pure sempre una vita degna di tale nome. Probabilmente l'unica davvero possibile.

Mentre tutto cambia inesorabilmente, di nuovo, non senza fatica fisica e mentale, io ricomincio dalla mia Piattaforma. E dal bisogno di scrivere qualcosa che mi ricordi, anche nei periodi più confusi, la mia urgenza di vivere. Perché Piattaforma non è solo un libro, non è solo un blog, e non necessariamente sono io. Ma è una zattera sconfinata che galleggia sull'infinito. Senza sosta.




permalink | inviato da piattaforma il 4/9/2011 alle 18:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre